Il Reservehandverfahren (R.H.V.) (English: Reserve Hand Procedure) era il metodo usato nella seconda guerra mondiale dalla Kriegsmarine tedesca per la cifratura a mano dei messaggi, alternativo all'uso della macchina cifrante Enigma o in caso di suo malfunzionamento.

Le chiavi del M.Dv.Nr. 929/1 Reservehandverfahren (1940) furono violate per la prima volta al Bletchley Park nel giugno del 1941, grazie all'uso dei documenti recuperati il mese precedente sull'U-Boot U-110.

Successivamente la codifica fu risolta dai servizi britannici tramite criptoanalisi, atteso che la tabella delle chiavi, denominata Schlüsselheft zum R.H.V., era segreta e aggiornata con cadenza annuale.

Zu M.Dv.Nr. 929/1 Geheim!

Schlüsselheft Nr. 16 zum R.H.V. Allg.

Oberkommando der Kriegsmarine, Berlin 1942

Tafeln 1-25 (50 pagine)

Zu M.Dv.Nr. 929/1 Geheim!

Schlüsselheft Nr. 18 zum R.H.V. Allg.

Oberkommando der Kriegsmarine, Berlin 1944

Tafeln 1-30 (60 pagine)

Schlüsselheft Nr. 16 zum R.H.V. Allg.

  In collezione le tabelle delle chiavi relative agli anni 1942 (foto Tafel 1) e 1944 (foto Tafel 1).